fbpx

LinkedIn per Aziende, tre spunti per la tua pagina aziendale

LinkedIn per aziende

Hai aperto la tua pagina aziendale LinkedIn ma i post che pubblichi non ottengono la visibilità che vorresti? Devi sapere che è un problema comune a moltissime pagine aziendali. La pagina LinkedIn per aziende infatti non ottiene molta visibilità perché questo è un social fatto per i professionisti (per le persone). 

Quindi bisognerebbe avere un profilo aziendale LinkedIn costruito per mettere in primo piano le relazioni tra professionisti, per creare relazioni di business e per stringere accordi strategici con le persone giuste.

Tuttavia la pagina aziendale non è sbagliato aprirla, anzi, è un ottimo canale per far conoscere i servizi e i valori dell’azienda. Le opportunità sono molte, basta prendere qualche accortezza per riuscire a dargli la visibilità che merita.

Qui ti voglio dare tre consigli pratici e gratuiti per dare alla pagina aziendale su LinkedIn la visibilità che si merita.

LinkedIn per Aziende, prima cura i profili personali.

Prima di tutto devi abbandonare l’idea che la pagina aziendale LinkedIn sia come la pagina aziendale su Facebook. Funziona in modo completamente diverso.

Quando mettiamo in relazione il “LinkedIn aziendale” con la pagina devi per forza di cose curare prima di tutto il profilo LinkedIn aziendale, tuo e dei tuoi dipendenti o collaboratori.

La forza dell’azienda su LinkedIn (come nella vita reale) sta nelle competenze di ogni singola persona, quindi dovrai sfruttare il potere dei profili personali per spingere al massimo la tua pagina aziendale. 

Ma quali profili aziendali dovrebbero collegarsi con la pagina? Tutti? Si tutti quelli possibili. O meglio, tutti i profili LinkedIn strategici per la pagina aziendale.

Ovviamente non puoi obbligarli ad aprire e gestire il proprio profilo come un profilo aziendale, ma potresti coinvolgere il personale strategico a farlo. Figure come venditori, consulenti, segretarie, ecc… hanno già un rapporto con il pubblico (i potenziali clienti) ed essendo già abituati ad avere un confronto diretto con le persone avranno meno timore di mettere il naso anche su LinkedIn.

Questo è il primo consiglio che ti voglio dare:

  1. Chiedi ai dipendenti e collaboratori di inserire la pagina aziendale nelle loro esperienze lavorative
  2. Invita clienti e dipendenti a seguire la pagina aziendale come follower

LinkedIn Aziende: il centro dei contenuti per i dipendenti

Come ti ho detto prima, la forza dell’azienda su LinkedIn è legata ai profili personali, la visibilità organica maggiore infatti, si ottiene dal profilo LinkedIn aziendale di quel collaboratore che ha una rete di collegamenti in target (potenziali clienti) e possibilmente interattiva.

Per “attivare” la rete di collegamenti devi necessariamente dargli contenuti validi, contenuti utili e a cui non possono fare a meno.

Il secondo scoglio da superare quindi è quello di riuscire a far pubblicare dei post utili ai tuoi collaboratori su LinkedIn.

Qui entra in gioco la pagina aziendale, che puoi far diventare il centro di raccolta e smistamento dei contenuti dell’azienda.

Ti faccio un esempio pratico: immagina di avere 10 collaboratori ben disposti ad usare LinkedIn, ma che questi non abbiano il tempo di scrivere e pubblicare aggiornamenti con regolarità, oppure non hanno le competenze per creare un piano editoriale e un calendario di pubblicazione sul proprio profilo personale.

(Per approfondire leggi l’articolo: Come usare LinkedIn)

Cosa puoi fare quindi?

Dedica del tempo di una persona (puoi anche essere tu) alla creazione e pubblicazione di contenuti sulla pagina LinkedIn aziendale ed educa quei dieci collaboratori a condividere i post dell’azienda sul proprio profilo personale, possibilmente aggiungendo un commento o riflessione.

Questo secondo consiglio può esserti utile per ottenere questi vantaggi:

  1. I dipendenti trovano già i contenuti pronti
  2. La tua azienda va in prestito della visibilità delle loro reti
  3. Coinvolgi i dipendenti nella promozione dell’azienda

Come funziona LinkedIn per aziende? Un esempio pratico

Nella maggior parte dei casi Linkedin per le aziende funziona solo se dietro c’è una buona struttura di profili personali attivi. 

E sebbene all’inizio possa sembrare una impresa impossibile, se ben strutturata nella realtà questa diventa una abitudine piacevole utile a far crescere l’azienda e coinvolgere i dipendenti.

Un esempio è quello di coinvolgere la tua rete vendita, far dedicare delle ore settimanali a cercare potenziali clienti direttamente su LinkedIn, evitando i costi degli spostamenti in auto. Educarli ad avere un primo contatto con i potenziali clienti grazie ad una serie di messaggi ben studiati, e quindi farli arrivare all’appuntamento dal vivo già preparati, con il cliente pronto a ricevere le tue offerte evitando così le vendite a freddo.

Ma come fanno queste persone a trasmettere il valore dell’azienda su LinkedIn?

Come farebbero nella vita reale: condividendo informazioni, risultati ed esperienza. Solo che in questo caso non lo fanno a parole, con delle presentazioni o con lunghe telefonate. Grazie alla condivisione dei post che l’azienda stessa pubblica sulla pagina aziendale riducono i tempi per trasmettere tutte queste informazioni.

Con un’ora di attività su LinkedIn riesci a raggiungere molte più persone che non in mezza giornata di trasferte, vale la pena almeno provarci, non credi?

 Il terzo consiglio è questo: Prova, metti in gioco la tua azienda su LinkedIn come fai quando vai alle fiere, quando stampi volantini e quando crei eventi. Dopotutto LinkedIn è fatto di reti di professionisti, devi solo imparare ad intercettarli nel modo e momento giusto

Acquisire contatti e fidelizzare i tuoi clienti con l’email marketing

Aquisire contatti e fidelizzare i tuoi clienti con email marketing

[STRATEGIA] Acquisire contatti e fidelizzare i tuoi clienti “offline” con l’email marketing

Come restare in contatto con i tuoi clienti abituali con una strategia di web marketing, ma anche generare nuovi contatti grazie a chi entra per la prima volta in negozio

Questa è una tecnica molto semplice che si può utilizzare per acquisire i contatti dei clienti che entrano nel tuo negozio.

Grazie a questa tecnica di marketing offline-online puoi raggiungere con una email tutti i clienti che entrano nel tuo negozio.

Quando puoi utilizzare questa tecnica per acquisire i contatti di chi entra nel negozio:

Puoi usare questa tecnica di marketing per business locali se la tua attività prevede un tempo di attesa prima di usufruire del servizio.

Alcuni esempi di attività in cui puoi usare questa strategia di marketing:

  • Pizzerie
  • Ristoranti
  • Centri benessere
  • Salone di bellezza
  • Parrucchiere
  • Barbiere
  • Spa
  • Centri medici

PREMESSA:

Supponiamo che nella tua attività entrino delle persone che prima di ricevere il servizio devono attendere alcuni minuti in sala d’attesa.

Generalmente il cliente resta in attesa leggendo un giornale o navigando sullo smartphone.

Questa è un’occasione che non possiamo lasciarci sfuggire.

Il cliente è nella nostra struttura in quel preciso momento, potrebbe non tornare più e comunque, non sappiamo tra quanto tempo potrebbe tornare a trovarci.

Perché quindi non chiedere di rimanere in contatto con il cliente attraverso i canali online che abbiamo a disposizione?

ECCO COME FUNZIONA:

  1. Mettiamo un avviso in bella vista, in sala d’attesa o al centro del tavolo in pizzeria, in cui chiediamo di compiere un azione.
  2. L’azione sarà questa: Scansiona il codice QR (o segui questo link) e compila il form per ottenere questo vantaggio.
  3. Dopo la scansione il codice QR e la compilazione del form il cliente ottiene uno sconto o un prodotto omaggio in cambio del suo indirizzo email
  4. In questo modo acquisiremo il contatto del cliente e potremo inviare promozioni via email, newsletter o importanti aggiornamenti sull’attività.

Perchè usare questa tecnica di marketing per acquisire i contatti dei tuoi clienti?

Avere una tecnica di acquisizione contatti di clienti direttamente in negozio è fondamentale per restare in contatto con loro.

Molto spesso i clienti che già vi sono conoscono non sono a conoscenza di offerte o promozioni speciali se non quando sono già all’interno della struttura.

Comunicare con i tuoi clienti prima che entrino in negozio diventa quindi fondamentale.

Ecco alcuni esempi per applicare questa strategia di marketing con le newsletter.

Un ristorante potrebbe inviare comunicazioni su eventi, degustazioni o serate particolari a tema che creiamo periodicamente

Un salone di bellezza, una spa o centro benessere potrebbe inviare promozioni personalizzate solamente per gli iscritti alla newsletter.

In questo modo si crea una sorta di esclusività nelle proposte perché lo possono ottenere solamente ed esclusivamente chi si è iscritto alla newsletter.

Un altro punto a favore di ottenere i contatti di chi ci conosce già (o di chi fa uso dei nostri servizi per la prima volta) è quello di avere in lista indirizzi email di persone altamente qualificate.

Sono persone che hanno già avuto esperienza con noi e quindi (se hanno avuto i benefici che si aspettavano) saranno più propensi a lasciare il proprio indirizzo email e a ricevere le nostre comunicazioni.

Ecco cosa ci serve per mettere in pratica questa tecnica di marketing da offline a online:

  • Un avviso cartaceo da mettere in un luogo ben visibile in negozio
  • un codice QR
  • un link ad una pagina di destinazione: la pagina di destinazione (potrebbe essere una pagina del nostro sito web con un form di contatto.
  • Uno strumento di email marketing come mailchimp o mailerlite per inviare le tue newsletter.